Ci sono alimenti che tolgono la fame e altri che invece stimolano l’appetito. Questi ultimi sono un problema, soprattutto per chi segue una dieta, perché spingono a mangiare più del dovuto (e anche peggio). Ma quali sono questi cibi che fanno venire fame? E soprattutto: perché hanno questo effetto deleterio? Vediamolo insieme.

Mangia quando hai fame, bevi quando hai sete. Questa è una delle massime fondamentali della dieta chetogenica. Infatti, tra gli effetti positivi di un regime alimentare keto o comunque low carb, superata la fase di adattamento, c’è proprio una migliore capacità di controllo della fame. Chi nella vita ha provato tante diete per perdere peso lo sa bene: il nemico principale di ogni sforzo è proprio l’appetito, il desiderio del cibo. Anche perché spesso si tratta di una voglia che si concentra proprio su cibi che sono più dannosi per la salute, come i dolci. Quindi, combattere la fame è un obiettivo primario perché la dieta abbia successo. E uno dei modi per sconfiggere il senso di fame è mangiare i cibi giusti, Sì, perché alcuni alimenti danno sazietà, altri invece portano ad abbuffarsi. Quando si dice che “l’appetito vien mangiando” ci si riferisci proprio a questo, ad una fame che viene costantemente stimolata propria dal cibo. Ma quali sono i cibi che provocano questo effetto destabilizzante? Conoscerli è importante per evitarli.

Alimenti consentiti e alimenti vietati in chetogenica

Alimenti che stimolano l’appetito invece che placare la fame

In linea generale, è possibile tracciare il profilo di 5 categorie di cibi (e bevande) che fanno venire fame.

  1. Alimenti ad alto contenuto di zuccheri semplici: dolci di vario tipo, snack zuccherati, bibite dolci (gassate e non), frutta.
  2. Carboidrati raffinati: pane bianco, pasta tradizionale, riso, pizza, prodotti da forno ottenuti con farina bianca (come pizza, grissini, cracker, eccetera).
  3. Snack salati: patatine, salatini.
  4. Junk Food: panini con hamburger, cheeseburger e simili, patatine e fritti di vario genere.
  5. Alcolici: come vino, birra e cocktail.

Fame e dipendenza dagli zuccheri

Scorrendo l’elenco dei cibi che fanno venire fame e stimolano l’appetito, è possibile riscontrare degli elementi ricorrenti, che permettono di fare una riflessione ulteriore. È evidente, infatti, la connessione di molti di questi alimenti con lo zucchero, inteso non solo come sostanza dolcificante ma come elemento presente in abbondanza (ma spesso poco visibile) nell’alimentazione della maggior parte delle persone. Secondo studi scientifici sempre più numerosi e approfonditi, gli zuccheri sono responsabili di un vero e proprio processo di dipendenza, a carico di chi li consuma. Più ne mangio, più ne voglio. Un processo fisiologico, che chiama in causa il glucosio presente nel sangue e il ruolo dell’insulina (per saperne di più, leggi questo approfondimento dedicato alla dipendenza da zuccheri). Il problema è che gli zuccheri sono in molti alimenti considerati sani e pietre miliari della decantata dieta mediterranea, come pane, pasta e frutta. Inoltre, zuccheri in grande quantità sono presenti anche in tutti gli alimenti frutto dell’industrializzazione, dai biscotti alle merendine. Liberarsene, quindi, non è facile. Però è necessario. Ed è il cuore della dieta chetogenica.

Leggi di più sulla keto diet